Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

 
 
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • +39 06 570941

“L’internet delle cose è una visione. Cosa accadrà realmente quando le cose, le case e le città diventeranno intelligenti?” Dotati di una loro intelligenza, gli oggetti possono comunicare dati su se stessi e comunicare con gli utenti e altri oggetti. Tutti gli oggetti possono acquisire un ruolo attivo grazie al collegamento alla rete. L’espansione nel mondo digitale sembra illimitata e questa “nuova” forma di intelligenza può essere applicata in molteplici campi.

 

 

 “L’internet delle cose è una visione. Cosa accadrà realmente quando le cose, le case e le città diventeranno intelligenti? Le città di tutto il mondo sono in procinto di entrare nella prossima fase del loro sviluppo. Una rete invisibile nei pressi di tag di identificazione a radiofrequenza (RFID) viene distribuito su quasi ogni tipo di bene di consumo. Questi minuscoli chip, rintracciabili, che possono essere acquisiti in modalità wireless, sono in grado di essere connessi a internet in un istante. Questa cosiddetta “Intelligenza Ambient” promette di creare rete globale di oggetti fisici altrettanto pervasiva e onnipresente come lo stesso web in tutto il mondo. Alcuni stanno già chiamando questa rete controversa “internet delle cose” descrivendolo come sia la massima comodità nella gestione della supply-chain, o l’ultimo attrezzo nel nostro sistema di sorveglianza del futuro. La rete ha il potere di rimodellare le nostre città, tuttavia vi è poca conoscenza nel pubblico di consent”. Questa la definizione del portale www.theinternetofthings.eu. Dotati di una loro intelligenza, gli oggetti possono comunicare dati su se stessi e comunicare con gli utenti e altri oggetti. Essi possono acquisire un ruolo attivo grazie al collegamento alla rete. Sentono e reagiscono all’ambiente in modo indipendente. La particolarità è il binomio analogico-digitale che muta il rapporto che abbiamo con gli oggetti stessi. Tutto questo è reso possibile dalla tecnologia RFID (radio-frequency identification), la quale permette ad oggetti senza alcun tipo di elettronica o circuito digitale di connettersi alla rete, scambiandosi reciprocamente le informazioni. Il 70% delle connessioni è registrato in 10 Paesi e in Italia solo 6 milioni di oggetti sono connessi (Wired.com). Eppure si sente spesso parlare di smart car, smart city, edifici intelligenti, gestione dei big data.

Molti imprenditori e aziende cercano di comprendere le possibili applicazioni dell’Interenet of Things ai propri modelli di business, con lo scopo di aumentare il vantaggio competitivo puntando sul fenomeno emergente. Gartner ha cercato di fornire una soluzione alla criticità e al fermento dilaganti, affermando che le tecnologie IoT si basano su quattro modelli:

- Manage. In questo caso l’obiettivo è controllare lo stato di un asset per migliorarne l’utilizzo. 

- Monetize. Imputare il costo di un asset in funzione della misura molto accurata del suo grado di utilizzo.

- Operate. Si usa un asset per controllare l’ambiente circostante.

- Extend. Questo modello prevede la fornitura di servizi o informazioni digitali come “estensione” di un asset.

L’espansione nel mondo digitale sembra illimitata e questa “nuova” forma di intelligenza può essere applicata in molteplici campi. I cosiddetti “edifici intelligenti” sono dotati di sensori e dispositivi collegati tramite una rete IP e sono in grado di percepire gli ambienti interni ed esterni, così da regolarne l’illuminazione, l’uso dell’acqua, attivare le telecamere di sicurezza, in conformità con i parametri sostenibili per il consumo di energia. L’obiettivo principale è permettere che il mondo elettronico tracci una mappa di quello reale, dando una identità elettronica alle cose e ai luoghi dell’ambiente fisico. La Commissione europea, con il documento del  18.6.2009 COM(2009) 278 final – “Communication from the commission to the european parliament, the council, the european economic and social committee and the committee of the regions, Internet of Things – An Action plan for Europe”, si impegna per mobilitare gli stakeholder, in quanto l’internet delle cose rappresenta una grande opportunità di sviluppo sia per la creazione di nuovi servizi per i cittadini, sia per la creazione e la crescita di imprese nel settore. I risultati di una ricerca svolta dall’osservatorio Internet of Things della School of Management del Politecnico di Milano hanno dimostrato come tale scenario abbia un impatto diretto sulla vita quotidiana, in particolare gli ambiti che possono beneficiare dell’IoT sono: Smart city – l’IoT rende possibili opportunità che vanno dalla possibilità di gestire le priorità semaforiche sulla base del reale stato del traffico all’illuminazione stradale basata sul livello di luminosità, dal monitoraggio dei parametri ambientali alla raccolta dei rifiuti sulla base del livello di riempimento dei cassonetti; smart metering & smart grid - applicazioni finalizzate a gestire la rete elettrica, del gas ed idrica; costruzione e domotica - IoT applicata all’interno della casa (Smart Home) e più in generale degli edifici residenziali, commerciali e industriali (Smart Building); processi logistici e di trasporto - la tracciabilità dei prodotti lungo tutta la filiera, il monitoraggio delle condizioni di conservazione dei prodotti e l’ottimizzazione della gestione delle flotte di automezzi.

Orari Lavorativi

Gli uffici sono aperti dal lunedì al venerdì

dalle ore 9.00 alle ore 18.00

 

L'assistenza tecnica è operativa

24/7 per 365 giorni

Le nostre Sedi

Roma

SEDE LEGALE
Via Alexandre Gustave Eiffel, 100 - Ed. A12 D39
00148 Roma (RM)

Tel. 06.570941 | Fax 06.5709420
Email: grafidata@grafidata.com
 

Assistenza Tecnica

Via Alexandre Gustave Eiffel, 100 - Ed. A12 D39
00148 Roma
 
Tel. 06.570941 | Fax 06.5709420

Email: assistenza@grafidata.com